ignorantia excluduntur

ignoranza esclusa

Nel consiglio comunale di venerdì scorso, 30 novembre, è il consigliere più anziano, Domenico Clementini, a dimostrare, ancora una volta, che l’esperienza e la puntigliosità negli interventi in aula riescono a mettere in evidenza le ambiguità dell’amministrazione Magrone. Parole e argomentazioni esposte con ardore che hanno reso più evidente la differenza con la retorica del fiume di parole, artatamente confuse, usata dai rappresentanti dell’amministrazione per rispondere alle domande dell’opposizione. Astutamente, fra gli amministratori, sono in pochi a parlare, mentre gli altri tacciono. Per fortuna poiché, allorquando, impavidamente, qualcuno dei sempre silenti consiglieri di maggioranza infrange la (per loro ottima) prassi del rispetto dell’oraziano invito del “favete linguis”, risulta difficile non impietosirsi per la confusione dell’esposizione e per le “sesquipedalia verba” con le quali cercano di pappagallare chi li ha preceduti nelle risposte alle domande poste dai consiglieri di minoranza. Emblematico, di tale parlare a vuoto, lo scambio verbale tra il consigliere Cramarossa e il sindaco Nicola Magrone. Il primo chiede chiarimenti in merito alla situazione degli alunni della scuola Faenza, temporaneamente trasferiti (non si sa fino a quando) nelle aule di via Bitritto, specificando che la domanda avrebbe tanto voluto sottoporla all’assessore all’istruzione Francesca Di Ciaula che, argomenta il consigliere, “a quanto si dice, si sia dimessa dall’incarico”. Fatto che sembra confermato dalla sua assenza in aula. Il sindaco, a questo punto chiede, al consigliere Cramarossa, di chiarire qual è la domanda alla quale bisognerebbe rispondere; il consigliere riformula la domanda e chiede di conoscere la situazione inerente gli alunni della sopra detta scuola.

Quale pensate sia stata la risposta del sindaco? Avrà risposta sulla questione dei bambini della Faenza?

Macché; invece di parlare di quanto richiesto dal consigliere Cramarossa, il sindaco parla di tutt’altro. Con un ulteriore, non breve e arzigogolato, discorso questa volta disquisisce sulle dimissioni forse date o forse richieste all’assessore Di Ciaula; sulle deleghe che forse no, o forse sì, ritorneranno al sindaco che in quel caso fornirà una risposta per iscritto. Su che cosa? A quale domanda? Sui bambini della Faenza o sulla questione non posta esplicitamente dal consigliere Cramarossa delle dimissioni dell’assessore? Boh! non si sa ancora.

Confusione o premeditata presa per i fondelli dell’opposizione?

Torniamo all’anziano oppositore Clementini. Rivolgendosi all’assessore Benedetto, il consigliere chiede chiarimenti su «un problema urbanistico..» rinviato il 28/7/2017, che doveva ritornare in discussione nel primo consiglio comunale successivo ma che «siamo oggi nel 30/11/2018, sedici mesi, dopo varie interrogazioni (…) dalla ditta habitat al comune di Modugno e a tutti i consiglieri, io voglio sapere da lei assessore l’argomento quando verrà in consiglio, perché lei mi disse “quando verrà la dirigente possiamo portare in consiglio” però, a tutt’oggi, passati sedici mesi (…) tutto questo ad oggi non è stato fatto. Allora io mi vado a tutelare, la diffida che abbiamo avuto dall’azienda (…) io mi voglio tutelare perché tutto può succedere, che possiamo andare a pagare i danni a questa azienda del ritardo, lei mi deve dire quando si deve portare questo argomento in consiglio comunale, grazie».

Alla domanda l’assessore risponde «consigliere, ricorderà che quella proposta fu rinviata a seguito di alcuni elementi che erano stati sollevati dal consigliere Cramarossa (…) i vari punti indicati dal consigliere Cramarossa sono stati esaminati, è stata fatta una nuova istruttoria, era stata evidenziata la presenza di un contenzioso, il contenzioso si è concluso con una sentenza che tutto sommato ritiene valida e legittima la delibera della riperimetrazione delle maglie, mancava un solo elemento che io mi sono permessa questa volta di attenzionare, (…) che era quello della competenza. Abbiamo richiesto un parere, è appena arrivato il nuovo responsabile, il parere è stato reso qualche giorno fa e (…) sulla scorta (…) sarà formalizzata la proposta (…)  se andrà in consiglio comunale sarà sottoposta al consiglio comunale».

Avesse ascoltato tale risposta, Monsieur de La Palice, (il quale, se non fosse morto sarebbe ancora in vita) avrebbe sicuramente applaudito.

L’”anziano” Clementini, insoddisfatto della risposta (data al “lei mi deve dire quando si deve portare questo argomento in consiglio comunale”) replica: «sono due versioni, prima viene in consiglio adesso è competenza della giunta, voglio capire, deve venire in consiglio o è la giunta che deve deliberare? È ambigua la cosa di ciò che sta dicendo lei. Perché lei ha detto che questi giorni abbiamo avuto il parere. Combinazione che questi giorni avete avuto il parere, una cosa strana (…) sedici mesi, per un argomento, è una cosa gravissima per una amministrazione, sedici mesi per avere un parere».

La replica dell’assessore Benedetto è stata, … «se lei vuole creare ambiguità (a Clementini! Ora è Clementini che crea ambiguità?) crei pure ambiguità. C’erano dei motivi che erano stati esaminati, è stata rifatta l’istruttoria, completamente. Se verrà in consiglio comunale, sarà illustrata al consiglio comunale l’intera istruttoria, cosa è accaduto da quando l’istanza è stata presentata nel 2012 fino al 2017, cosa è accaduto dal luglio 2017 fino a quando verrà in consiglio comunale. Se verrà in consiglio comunale, se non verrà troverà probabilmente degli elementi in ufficio».

Fine della discussione, perché l’ora a disposizione per le interrogazioni consiliari, come “pretorianamente” ricorda la presidente del consiglio, è terminata.

Punto, l’anziano consigliere non può più replicare, è finita l’ora delle discussioni.

Resta però l’interrogativo posto dal consigliere: a chi spetta deliberare in merito a questa annosa questione? deve essere discussa in consiglio comunale o in giunta?

Rispondere non sarà facile; la retorica e il fiume di parole usato dall’assessore all’edilizia privata –  per non rispondere –  ne confermano la difficoltà.

L’aver richiesto – ed ottenuto solo questi giorni – un parere, ad un esperto esterno all’amministrazione, su quale sia l’organo deliberante che dovrebbe decidere sulla Istanza n. 41/12 prot. 20410 del 02/05/2012 di progetto di Lottizzazione in variante per il 2° intervento di completamento e recupero urbano della maglia “N” a seguito di Variante al P.R.G.C. approvata con D.G.R. n. 562 del 31/03/2005 e di Riperimetrazione approvata con Delibera di c.c. n. 6 del 16/02/2011, pone il sindaco Magrone e l’intera giunta di fronte ad un enorme dilemma:

  1. se portano in consiglio comunale l’approvazione/diniego dell’istanza, incorrerebbero in una denuncia per illegittimità, in quanto il Decreto Sviluppo approvato con D.L. 13 maggio 2001 n. 70 convertito con la Legge 12 luglio 2011 n. 106, testo coordinato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 12 luglio 2011 n. 160 all’art. 5, par.13 così prescrive: (…) b) i piani attuativi. come denominati dalla legislazione regionale. conformi allo strumento urbanistico generale vigente, sono approvati dalla giunta comunale. Tale decreto fu richiamato nel consiglio comunale del 28/7/2017 e costituisce uno degli “elementi che erano stati sollevati dal consigliere Cramarossa” come ricordato dall’assessore al contenzioso Francesca Benedetto.
  2. se, invece, portano in giunta la discussione dell’istanza, potrebbero dover giustificare l’inosservanza del citato decreto, in quanto l’ignorantia excluduntur dalla (sempre da loro ostentata) massima competenza della materia urbanistica e profonda conoscenza del diritto amministrativo rende difficile credere ad una semplice dimenticanza.

Visto che oggi, 3 dicembre, il sindaco Magrone incontrerà la cittadinanza per “discutere di tutto; del vero e del falso” ,forse troverà il tempo per illustrare anche come intende risolvere tale dilemma.

Osiamo donargli un  piccolo suggerimento: dia la colpa alle vecchie amministrazioni. O meglio incolpi di tutto il consigliere Cramarossa del Pd, prenderebbe, come si dice “due piccioni con una fava”.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.