Comunicato stampa PD Modugno

Abbiamo protocollato in data 7/9/2015 una interrogazione sullo spostamento del mercato del venerdì, raccogliendo le proteste che il comitato di quartiere negli ultimi anni ha inoltrato all’Amministrazione. Dopo circa due mesi ci fu risposto dal Sindaco in consiglio comunale che il commissario Ruffo aveva risolto le problematiche relative alla cessione della nuova area di via Di Cristo e che, pertanto, lo spostamento del mercato restava un atto meramente gestionale, quindi unicamente in capo alla responsabilità del dirigente del settore attività produttive. Come effettivamente dimostra la determina/ordinanza dirigenziale dell’11 gennaio, che decreta definitivamente lo spostamento del mercato a far data dal 15 gennaio prossimo.
La pista ciclabile su via Salvo D’Acquisto, sede attuale del mercato, e la relativa questione di sicurezza per i cittadini e i mercatali stessi sono state solo l’ultima complicanza di una vicenda nella quale il pregiudizio dell’amministrazione a percorrere quella strada ha di fatto rallentato e ritardato questa assunzione di responsabilità, che è alla fine è stata comunque lasciata al Dirigente, che ha “ordinato” il trasferimento.
Le proteste prossime già annunciate dai mercatali a chi saranno recapitate, dopo che gli era stata data ampia rassicurazione che il mercato non si sarebbe spostato da lì?
La soluzione adottata oggi e pronta da svariati mesi, è la stessa che proponevamo civilmente a settembre, ma è servita la prevedibile caduta di una cittadina a smuovere le acque.
Come una pista ciclabile richiedeva un piano del traffico e delle soste, che dorme nei cassetti e deve essere solo adottato, così un mercato settimanale in una sede diversa da quella di via Di Cristo, come annunciato più volte ma a denti stretti dall’amministrazione, ha bisogno di un rinnovato piano del commercio. Noi ci siamo.

Il Circolo PD di Modugno

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.