Comunicato del M5S di Modugno

Veniamo a conoscenza del ritrovamento di circa 1500 casse per un totale di mezza tonnellata di fuochi di artificio pericolosi,

oltre ad una pistola cal. 7,65 con matricola abrasa e tre coltelli, nascosti all’interno della scuola De Amicis a Modugno, da parte di un 31 enne pregiudicato. Siamo sicuri che saranno fatti gli opportuni accertamenti, per ristabilire sicurezza e legalità, anche se la tensione rimane alta in quanto lo stesso è stato arrestato ma posto ai domiciliari esattamente nella stessa abitazione occupata abusivamente. Questa storia, oltre l’aspetto della sicurezza, porta alla luce un altro aspetto non secondario e non meno importante, l’occupazione illegale di immobili comunali. A tale riguardo i membri dell’associazione “Modugno a 5 Stelle” invitano TUTTA l’amministrazione comunale a prendere immediati provvedimenti di verifica della legittimità dell’occupazione degli immobili comunali e del loro utilizzo. Pare inoltre che questa sia storia nota da parecchi anni e, se fosse tutto confermato, vogliamo ricordare alle opposizioni, che anche loro fanno parte integrante dell’apparato amministrativo. Tra i tanti articoli che hanno raccontato della vicenda ci ha stuzzicato questa frase: “Con l’operazione di oggi i Carabinieri, hanno sequestrato materiale che avrebbe fruttato al dettaglio quasi 200.000,00 Euro” Auspichiamo quindi che a nessuno venga in mente di giustificarsi con la storia delle famiglie indigenti in difficoltà economiche, perché per gestire certe somme la povertà non c’entra. Nonostante siano passati appena 5 mesi dalla tragedia del team Bruscella, oggi qualcuno ha giocato con la pelle dei nostri figli e quindi va condannato ancora più aspramente. Concludiamo ricordando che in data 15 dicembre, avevamo presentato apposita istanza al comune di richiesta di divieto di vendita di botti, inutile dire che non abbiamo ricevuto alcuna risposta!

http://modugnoa5stelle.it/richiesta-di-ordinanza-divieto-botti-di-fine-anno/

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.