Grazie Magrone

La rielezione di Nicola Magrone renderà possibile, finalmente, il ricambio dell’attuale classe (sic!) politica di Modugno.

La vittoria dell’ex tutto, Nicola Magrone, è la vittoria dell’antipolitica grillina, l’antipolitica della demagogia e del giustizialismo dell’odierno tribunale del popolo, quello delle sentenze annunciate e ottenute via web. Demagogia e giustizialismo che ogni giorno di più, incontenibili, tracimano e abbattono i sempre più fragili argini del buon senso, così incautamente affidati dagli elettori alla custodia di pretenziosi politicanti e politichetti.
La retorica da pubblico accusatore usata da Nicola Magrone: “questo è il reato, questi sono i colpevoli”, ha fatto presa sull’immaginario collettivo, sull’opinione pubblica; “la città è brutta, colpa dei costruttori”; “non hai lavoro, è colpa delle imprese”; “porto Torres si allaga perché gli altri sindaci non hanno fatto niente”; “la OM chiude perché il presidente della Regione non collabora con la mia iniziativa”; demagogia e giustizialismo. “State male (voi) e io (che invece sto bene) vi difendo perché sono vostro fratello”. Eccezionale.

Oggi è opinione comune far risalire alle notarili dimissioni dei tredici consiglieri le ragioni dell’insuccesso dei due semicentrosinistra modugnesi. Dimissioni che hanno fornito al neo confermato sindaco l’argomento più valido per la sua campagna elettorale, quel ”tredici traditori” che, applauditissimo, ribadiva in ogni comizio. Ben più importante ai fini dell’odierno successo magroniano si è rivelata invece la mancata accettazione dell’”inciucio” proposto, all’allora minoranza, dal sindaco Magrone per bilanciare la defezione di dieci consiglieri della sua maggioranza. La inaccettata, perché ritenuta irriverente, condizione delle preliminari e propedeutiche dimissioni da sindaco per l’adesione al ribaltone proposto è diventata il totem attorno al quale hanno poi danzato, per un brevissimo periodo, i sofisticati apprendisti stregoni della politica locale, salvo poi rammentarsene e comiziarne fuori tempo massimo.
Scelsi e Cramarossa, due campioni della politica inconcludente, due epigoni della fallimentare strategia elettorale di Saverio Fragassi che sentendosi sindaco già il giorno dopo la candidatura ha permesso la prima nomina di Nicola Magrone. Il primo, Nicola Scelsi, distante e assente nella competizione elettorale dell’Udc modugnese, che ha confermato ancora una volta essere il partito di maggioranza relativa a Modugno. Partito dal quale, Nicola Scelsi, ha ottenuto l’espressamente richiesto invito a candidarsi; partito dal quale si è mantenuto a distanza profilattica, da cordone sanitario, per evitare contaminazioni o infezioni da contatto; salvo poi dichiarare, a tempo scaduto, eterno amore al candidato consigliere regionale, riferimento storico proprio di quel partito. “Non posso farmi vedere con te perché tu sei molto vicino a Peppino Longo” è stata la frase che più di tutte le altre ha raffreddato l’entusiasmo e confuso tanto l’elettorato centrista fino alla conseguenza che oltre tremila elettori modugnesi, nella scheda elettorale per la regione, hanno barrato solo il nome di Michele Emiliano e non hanno indicato alcuna preferenza per i consiglieri regionali.
Fabrizio Cramarossa, il secondo, dopo Magrone nei due turni delle votazioni e dopo Scelsi in questo scarno elenco delle ragioni che hanno determinato il successo dell’ex magistrato, è stato anche lui un velleitario protagonista di una competizione elettorale che richiedeva risposte e proposte politiche diverse dai richiami ai massimi sistemi e alla promozione di prodotti caratteristici locali; promozione certamente necessaria ed utile ma che può essere realizzata negli intervalli dei consigli comunali. In quelle adunanze la gente si aspetta che vengano discusse non solo le cause della propria indigenza, come magistralmente faceva e farà ancora Nicola Magrone, ma anche i possibili rimedi al proprio disagio; quei rimedi che l’ex e attuale sindaco ha dimostrato e dimostrerà ancora (saremo tutti felici di sbagliare) di non essere in grado di proporre. Velleitaria anche la scelta operata da Cramarossa di comunicare la propria indiscutibile e irrinunciabile candidatura a sindaco, il giorno successivo alla divulgazione della partecipazione dell’Udc alle primarie del centrosinistra regionale; una scelta, quella di Cramarossa, che si è dimostrata essere quello che già allora era evidente ad un attento esame politico, un bluff. Costringere i potenziali alleati a “vedere le carte” e a scommettere contro quell’indiscutibile candidatura si è rivelata la formidabile arma a doppio taglio che ha definitivamente impedito la costituzione e la vittoria di un’unica compagine di centro sinistra.
Lasciando stare per ora l’argomento destra modugnese (se ne riparlerà a breve) si può chiudere questa breve analisi con un appello umanitario a Scelsi e Cramarossa: per favore evitate di far subire agli elettori che hanno creduto in voi lo spettacolo della vostra umiliazione pubblica. Spettacolo che il neo riconfermato sindaco sarà contento di replicare in ogni consiglio comunale, dedicando ad esso larga parte dei suoi interventi in aula. Dimettetevi e dignitosamente lasciate spazio a chi, facendo tesoro del vostro insuccesso politico, saprà sicuramente fare meglio.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.